Seno Controlaterale

Mastoplastica additiva

Si esegue non solo quando la ricostruzione del seno non consente di ottenere un risultato volumetricamente simmetrico al controlaterale ed è necessario un aumento, ma soprattutto per rendere simile il futuro comportamento di entrambe le mammelle, quella ricostruita e la controlaterale. Solitamente avviene in corso di ricostruzione monolaterale con espansore e protesi di mammelle di piccole dimensioni. Infatti per evitare che il seno ricostruito, quindi prevalentemente in silicone, si comporti nel tempo (ptosi, escursione ponderale) diversamente da quello non operato, si preferisce inserire una protesi anche in quest'ultimo, in modo da adeguare i due comportamenti.

L'intervento quindi produce un aumento del volume e della consistenza del seno controlaterale mediante l’introduzione di una protesi al silicone. Esistono diverse forme di protesi, a seconda del tipo di difetto da corregere si potrà utilizzare una protesi di forma tradizionale a semicupola o di forma “anatomica” con profilo a goccia. La misura ideale delle protesi viene discussa e decisa con il chirurgo durante la visita preliminare, prendendo attentamente in considerazione diversi fattori limitanti quali: le dimensioni del tessuto mammario/adiposo in grado di coprire le protesi; l’elasticità cutanea idonea per ospitare il volume protesico; la forma del torace idonea per un risultato armonico.

A seconda del volume e della protesi scelta, ed in base alle esigenze e caratteristiche individuali della paziente, l’impianto potrà essere inserito attraverso un’incisione (circa 5 cm) nel solco sottomammario o nell’emicirconferenza inferiore dell’areola (a semicupola o anatomiche) oppure nel cavo ascellare (a semicupola). Attraverso l’incisione il chirurgo posizionerà la protesi in una tasca allestita sotto la ghiandola mammaria se il volume mammario e lo strato adiposo sono sufficienti a coprire l’impianto, oppure più in profondità sotto il muscolo Gran Pettorale nelle pazienti molto magre e con ghiandola scarsamente rappresentata. Infine i tessuti profondi e la cute saranno suturati lasciando in caso di particolare sanguinamento un drenaggio in aspirazione.

Torna su
Content e graphic design studio idea comunicazione studio idea comunicazione Sviluppo PanPot

Redazione Barbara Fabiani