Lembo DIEP

Risultati

Nonostante il tessuto adiposo addominale non abbia le stesse funzioni della ghiandola mammaria che va a sostituire, è però molto simile ad essa in termini di consistenza al tatto, calore, comportamento in movimento, naturale ptosi. Il nuovo seno conserva questi aspetti tattili e fisici. Inoltre, come quello naturale, anche questo seno dimagrisce e ingrassa, ed infine segue un naturale processo di senescenza, insieme al resto del corpo. Va precisato che la cute del seno e dell’addome sono di solito molto simili per grana e colore. Eventuali irregolarità del profilo o differenze di volume tra i due seni si possono risolvere successivamente con iniezioni riempitive di grasso proprio preso in piccole quantità da altre parti del corpo, con tecnica “lipofilling”.

Trattandosi di un “autotrapianto”, con il lembo DIEP si riducono quasi completamente i fenomeni d'infezione e si escludono quelli d'intolleranza quali le “contratture capsulari” che invece interessano corpi estranei quali le protesi, particolarmente dopo la radioterapia. Nel caso fosse necessario eseguire il DIEP dopo la radioterapia, è stato notato che con il suo apporto vascolare determina un miglioramento delle condizioni locali.

Se c’è stata una "mastectomia radicale" con asportazione della cute mammaria, il seno ricostruito con il lembo DIEP purtroppo avrà una scarsa sensibilità tattile superficiale, migliore se eseguito in “immediata”; questo però non pregiudica l’accettazione della nuova mammella da parte della paziente. Nel caso invece di un’operazione conservativa della cute e del capezzolo “nipple sparing”, si riprende con il tempo una considerevole sensibilità di entrambi.

Ogni intervento chirurgico ha come esito la presenza di una o più cicatrici, nel caso di un’operazione radicale per togliere la ghiandola malata, la ricostruzione con il DIEP comporta sulla coppa una cicatrice a forma di ellisse intorno al lembo trasferito, molto sottile ma più o meno lunga a seconda della parte asportata.

Nei casi selezionati in cui è stato possibile togliere la ghiandola mammaria lasciando cute e capezzolo, il lembo è inserito unicamente attraverso un accesso lungo il solco della mammella, dove rimarrà una cicatrice in gran parte nascosta.

Sull’addome, poco più sopra il pube, resta una lunga cicatrice orizzontale che va da una cresta iliaca all’altra, del tutto sovrapponibile a quella conseguente all’ “addominoplastica” estetica, ma comunque nascondibile dallo slip o dal bikini.

Torna su

Vedi il video "Mastectomia e Ricostruzione con Lembo DIEP"

(Attenzione! Questo video presenta contenuti di carattere scientifico, per la crudezza delle immagini se ne sconsiglia la visione ad un pubblico particolarmente sensibile.)

Vai a Domande Frequenti sul DIEP

Vai a Esiti interventi

Content e graphic design studio idea comunicazione studio idea comunicazione Sviluppo PanPot

Redazione Barbara Fabiani