Formazione

L’attività di formazione sulla ricostruzione del seno, portata avanti dal prof. Santanelli di Pompeo con le tecniche del lembo DIEP, lembo Gran Dorsale, trapianto adiposo ed altre, fa parte di un programma medico-scientifico personalizzato per accrescere il numero dei chirurghi capaci di eseguire queste metodiche, riconducibili alla chirurgia microvascolare e all’autotrapianto di tessuti.

Una particolare attenzione è dedicata alla formazione delle giovani generazioni di chirurghi, con l’obiettivo di creare una scuola chirurgica, nei termini di paradigma scientifico, affinché si diffonda anche in Italia la tecnica del DIEP e aumenti il numero dei chirurghi plastici specializzati nell’eseguirla, così da renderla maggiormente disponibile per quelle donne che debbono affrontare la difficile prova di un intervento radicale al seno.

Per chiarimenti, contatta il Prof. Santanelli di Pompeo

Cattedra di Chirurgia Plastica, “Sapienza” Università di Roma, Facoltà di Medicina e Psicologia. Scuola di Specializzazione in Chirurgia Plastica, Ricostruttiva ed Estetica, presso la stessa facoltà.

Presso l’Università degli Studi di Roma “Sapienza”, Facoltà di Medicina e Psicologia.

Direttore: Prof. Fabio Santanelli di Pompeo.

Nasce nel 2007 ed è il primo Master, in Italia, dedicato all’educazione selettiva sulle tecniche di ricostruzione del seno, con particolare attenzione al DIEP, ai lembi di Latissimus Dorsi e all’innesto di grasso. Il Master offre una formazione pratica e dettagliata su queste procedure, attraverso la partecipazione diretta alla chirurgia lungo 12 mesi di corso. Il Master si ripete annualmente e si rivolge a eventuali dottorandi in Medicina e / o pensione completa in Chirurgia Plastica, con un numero massimo di 15 candidati all’anno, provenienti solitamente da tutta Italia e da altri paesi europei.

Clicca qui per maggiori dettagli

La Fellowship si avvale di un programma di formazione professionale per fornire le competenze specialistiche per affrontare le procedure ricostruttive dei vari distretti anatomici del corpo. Comprende una formazione professionale ai medici al fine di acquisire competenze specialistiche nelle tecniche microchirurgiche di base attraverso un modello animale. La Fellowship prevede inoltre lezioni frontali di insegnamento e la loro conseguente applicazione in ambito clinico e chirurgico con la preparazione del paziente, la procedura chirurgica e il follow-up, principalmente sulla mammella ma anche su testa e collo e arti.

Centri di formazioneRoma (Italia), presso l’Unità Operativa di Chirurgia Plastica dell’Azienda Universitaria Sant’Andrea, in Via di Grottarossa 1035-1039, e presso l’Istituto Superiore di Sanità in Viale Regina Elena 299.

Durata:

– 2 settimane

– 1 mese

– 2 mesi

– 3 mesi

– 1 anno

– 2 anni

Sessioni didatticheIl corso si articolerà in lezioni teoriche ed esercitazioni pratiche in sala operatoria ed esercitazioni in laboratorio su modelli biologici o animali. Gli studenti parteciperanno ad attività pratiche, prendendo parte attivamente alle procedure chirurgiche in sala operatoria.

Lingua di istruzioneInglese/Italiano

Più dettagli

Contatto

Riunione scientifica pubblicata annualmente, per i medici interessati alla chirurgia del seno, con l’obiettivo di fornire aggiornamenti sulla chirurgia ricostruttiva ed estetica del seno, concentrandosi sulle preoccupazioni delle diverse tecniche per rivelare suggerimenti, trucchi e istruzioni.

L’incontro è solitamente patrocinato dal Ministero della Salute, l’Associazione Europea dei Chirurghi Plastici (Euraps), la Società Italiana di Chirurgia Plastica, Ricostruttiva ed Estetica (Sicpre), la Società dei Chirurghi Plastici dell’Italia Centrale (Acpic) e la Società Italiana Società di microchirurgia (SIM).

1 ° Workshop Internazionale di Chirurgia Seno, “Dalla mastectomia alla sostituzione del seno: prospettive e progressi” Roma, Castello della Castelluccia, 23-24 gennaio 2009;

2 ° Seminario Internazionale di Chirurgia Seno “Problemi, complicazioni e sicurezza”, Roma, Ministero della Salute, 14-15 gennaio 2011;

3rd International Breast Surgery Workshop, Joint Meeting with Swedish Society of Plastic Surgery, Roma, 26-27 aprile 2013.

4th International Breast Surgery Workshop, Joint Meeting with the British Association of Plastic Surgeons, Ministero della Salute, Via G. Ribotta 5, Roma 17-18 Aprile 2015.

5th International Breast Surgery Workshop, Joint Meeting with the Royal Belgian Society for Plastic Surgery, Ministero della Salute, Via G. Ribotta 5, Roma 28-29 Aprile 2017.

www.IBSW.it

Riunione scientifica pubblicata annualmente, per i medici interessati alla chirurgia del seno, con l’obiettivo di fornire aggiornamenti sulla chirurgia ricostruttiva ed estetica del seno, concentrandosi sulle preoccupazioni delle diverse tecniche per rivelare suggerimenti, trucchi e istruzioni.

L’incontro è solitamente patrocinato dal Ministero della Salute, l’Associazione Europea dei Chirurghi Plastici (Euraps), la Società Italiana di Chirurgia Plastica, Ricostruttiva ed Estetica (Sicpre), la Società dei Chirurghi Plastici dell’Italia Centrale (Acpic) e la Società Italiana Società di microchirurgia (SIM).

1 ° Workshop Internazionale di Chirurgia Seno, “Dalla mastectomia alla sostituzione del seno: prospettive e progressi” Roma, Castello della Castelluccia, 23-24 gennaio 2009;

2 ° Seminario Internazionale di Chirurgia Seno “Problemi, complicazioni e sicurezza”, Roma, Ministero della Salute, 14-15 gennaio 2011;

3rd International Breast Surgery Workshop, Joint Meeting with Swedish Society of Plastic Surgery, Roma, 26-27 aprile 2013.

4th International Breast Surgery Workshop, Joint Meeting with the British Association of Plastic Surgeons, Ministero della Salute, Via G. Ribotta 5, Roma 17-18 Aprile 2015.

5th International Breast Surgery Workshop, Joint Meeting with the Royal Belgian Society for Plastic Surgery, Ministero della Salute, Via G. Ribotta 5, Roma 28-29 Aprile 2017.

Presidente prof. Fabio Santanelli di Pompeo e il Prof. Moustapha Hamdi.

La possibilità di conoscere in modo preciso il volume mammario su cui operare è di fondamentale importanza per i chirurghi, sia in campo estetico che in chirurgia plastica ricostruttiva. Fino a ieri sono stati descritti diversi metodi, alcuni molto complicati da eseguire e altri inaffidabili per i risultati ottenuti.

Prof. Fabio Santanell e Dott. Benedetto Longo ha condotto uno studio scientifico che ha permesso di realizzare un metodo semplice e statisticamente affidabile per misurare il volume del seno. Dieci diverse misure antropometriche sono state prese da 88 donne, prima di sottoporsi a mastectomia per cancro al seno; i risultati sono stati successivamente correlati ai volumi mammari misurati da campioni chirurgici e solo 3 (distanza tacca-capezzolo sternale, distanza di proiezione da piega a piega sottomammaria e distanza da piega a capezzolo sottomammaria) su 10 sono stati trovati statisticamente significativi. È stato quindi sviluppato un algoritmo, BREAST-V®, basato sulla semplice determinazione delle 3 misure e in grado di misurare con precisione il volume del seno studiato.

Per semplificarne l’utilizzo, Diepflap.it Medical Software ha prodotto e consegnato ad Apple una “App” per dispositivi iOS (iPod, iPhone, iPad) disponibile su App Store, in grado di eseguire rapidamente il calcolo.

Oggi grazie al BREAST-V® è possibile una determinazione del volume mammario veloce, non invasiva e statisticamente affidabile. Tale metodo innovativo è della massima importanza in tutta la chirurgia del seno, sia nelle procedure estetiche come l’aumento del seno o nella correzione delle asimmetrie, sia nelle procedure ricostruttive del seno dopo il cancro.

Sentinel Lymph Node Biopsy è oggi considerato il gold standard nella stadiazione ascellare delle pazienti con cancro al seno. Sebbene un recente documento americano evidenzi che in caso di metastasi del linfonodo sentinella una dissezione completa dei linfonodi ascellari non influisce sulla sopravvivenza, questa procedura è effettivamente indicata e solo nel 35-50% di questi pazienti vengono mostrate metastasi linfonodali aggiuntive.

Per valutare il rischio di metastasi ai linfonodi ascellari residui sono stati descritti diversi metodi statistici, a partire dal primo strumento (Memorial Sloan-Kettering Cancer Center Breast Service, 2003). Pertanto, lo scopo di questi strumenti è calcolare la probabilità di un’ulteriore malattia ascellare nei pazienti con linfonodi sentinella positivi e l’obiettivo finale è evitare la dissezione completa dei linfonodi ascellari non necessaria in pazienti con cancro al seno a basso rischio.

Dopo la validazione degli strumenti pubblicati più utilizzati, è stato sviluppato un metodo originale basato sul case mix dell’Ospedale Sant’Andrea e di altre Breast Unit, che prende in considerazione le seguenti variabili per il calcolo del rischio: dimensione del tumore primitivo, tipo istologico, grading , Dimensione delle metastasi del linfonodo sentinella e rapporto linfonodo sentinella positivo / linfonodo sentinella totale.

Per consentirne la diffusione e la validazione il modello statistico è stato trasformato in una “App” per piattaforma IOS, scaricabile gratuitamente dall’Apple Store, pensata per dispositivi mobili come iPhone, iPad e iPod, con l’obiettivo di fornire un utile e facile decisionale strumento, con una fattibilità clinica e non solo in un ambiente di ricerca.

Studi osservazionali dimostrano che il tromboembolismo venoso è una complicanza frequente degli interventi di chirurgia plastica e ricostruttiva, compresa l’addominoplastica e gli interventi di ricostruzione mammaria; tuttavia vi è mancanza di evidenze sulla tromboprofilassi in tale disciplina chirurgica.

Per quanto premesso, presso la nostra struttura si è costituito un gruppo di lavoro che ha provveduto ad elaborare una scheda di valutazione del rischio tromboembolico, in particolare perioperatorio, che tenga in giusta considerazione le specificità degli interventi di chirurgia plastica e ricostruttiva.

L’applicazione “Rischio Tromboembolico” per iPhone e iPad ha lo scopo di rendere più facile la raccolta ed elaborazione dei vari fattori di rischio ed offrire delle linee guida ben precise per il trattamento perioperatorio dei pazienti chirurgici.

L’attività di formazione sulla ricostruzione del seno, portata avanti dal prof. Santanelli di Pompeo con le tecniche del lembo DIEP, lembo Gran Dorsale, trapianto adiposo ed altre, fa parte di un programma medico-scientifico personalizzato per accrescere il numero dei chirurghi capaci di eseguire queste metodiche, riconducibili alla chirurgia microvascolare e all’autotrapianto di tessuti.

Una particolare attenzione è dedicata alla formazione delle giovani generazioni di chirurghi, con l’obiettivo di creare una scuola chirurgica, nei termini di paradigma scientifico, affinché si diffonda anche in Italia la tecnica del DIEP e aumenti il numero dei chirurghi plastici specializzati nell’eseguirla, così da renderla maggiormente disponibile per quelle donne che debbono affrontare la difficile prova di un intervento radicale al seno.

Per chiarimenti, contatta il Prof. Santanelli di Pompeo

Cattedra di Chirurgia Plastica, “Sapienza” Università di Roma, Facoltà di Medicina e Psicologia. Scuola di Specializzazione in Chirurgia Plastica, Ricostruttiva ed Estetica, presso la stessa facoltà.

Presso l’Università degli Studi di Roma “Sapienza”, Facoltà di Medicina e Psicologia.

Direttore: Prof. Fabio Santanelli di Pompeo.

Nasce nel 2007 ed è il primo Master, in Italia, dedicato all’educazione selettiva sulle tecniche di ricostruzione del seno, con particolare attenzione al DIEP, ai lembi di Latissimus Dorsi e all’innesto di grasso. Il Master offre una formazione pratica e dettagliata su queste procedure, attraverso la partecipazione diretta alla chirurgia lungo 12 mesi di corso. Il Master si ripete annualmente e si rivolge a eventuali dottorandi in Medicina e / o pensione completa in Chirurgia Plastica, con un numero massimo di 15 candidati all’anno, provenienti solitamente da tutta Italia e da altri paesi europei.

Clicca qui per maggiori dettagli

Si tratta di un programma di ricerca e clinica che fornisce una formazione professionale per i medici per acquisire competenze specialistiche in una specifica area di applicazione chirurgica.

Obiettivi: l’obiettivo del corso è la conoscenza delle tecniche di sutura microchirurgica vascolare e nervosa, la preparazione di protocolli di ricerca sperimentale su modelli animali e la loro applicazione clinica, in particolare per quanto riguarda le procedure di ricostruzione del seno, della testa e del collo e degli arti.

Durata: La durata del programma è di 3 mesi, suddivisi in sessioni didattiche che si svolgono presso il reparto di Bioscienze del Tecnopolo di Castel Romano, sito in Via di Castel Romano 100 a Roma e presso l’Ospedale Sant’Andrea sito in Via Grottarossa 1035 , anche a Roma.

Criteri di ammissione e selezione: il candidato interessato a partecipare alla borsa di studio dovrà inviare per posta alla segreteria del Prof.Fabio Santanelli di Pompeo (Azienda Ospedaliera Sant’Andrea, via di Grottarossa 1035, 00189 Roma) o per e-mail a fabio.santanelli @ uniroma1.it, la richiesta di partecipazione in carta semplice corredata del curriculum vitae e di una lettera di referenza del responsabile del dipartimento ospedaliero o dell’Università di provenienza. Il candidato dovrà inoltre possedere le seguenti qualifiche:

Laurea in medicina e permesso di lavoro (gli studenti di medicina possono partecipare sotto forma di allegato clinico)
Copertura per responsabilità professionale medica
Assicurazione per infortuni o infortuni sul lavoro
Certificato medico

I candidati verranno selezionati e ammessi in base ai propri Curricula e previo invito per un eventuale colloquio preliminare.

Programma Didattica: Il corso di formazione prevede 3 mesi di frequenza obbligatoria e consisterà in lezioni teoriche ed esercitazioni pratiche su modello biologico o animale, svolte presso il dipartimento di Bioscienze del Tecnopolo di Castel Romano.

Le lezioni affronteranno le metodiche di base per l’esecuzione di anastomosi vascolari arteriose e venose, neurorraofie e con la preparazione e applicazione clinica dei principali lembi microchirurgici (aut. Min. Sal. Nr. 179/2010, del 15/10/10 ).

Verrà utilizzato come modello animale il ratto Wistar, anestetizzato dal personale medico veterinario sotto la guida di tutoraggio dei docenti cooperanti (autorizzazione ministeriale ex art. 8 D.Lgs. 116/92 “Uso animale a fini didattici”). Gli strumenti disponibili saranno un microscopio ottico con attrezzatura microchirurgica di base, materiale di sutura e un set macro-chirurgico comprendente una pinza, forbici e un bisturi. Al fine di determinare l’evoluzione dell’apprensione, ogni partecipante verrà valutato alla fine di ogni sessione con un sistema da 1 a 5 punti in ciascuno dei seguenti parametri: tecnica di dissezione, tecnica di sezione e sutura microchirurgica, pervietà dell’anastomosi e tempo di esecuzione .

Grazie ad una convenzione attiva con il Dipartimento di Chirurgia Plastica della II Facoltà, Università degli Studi di Roma “Sapienza” (art.11 Conv. CHIRPLAST / DBS 21/10/10), sarà possibile integrare, dopo aver soddisfatto le richieste obbligatorie della Direzione Ospedaliera e senza oneri aggiuntivi, il programma didattico del corso con la partecipazione durante gli interventi chirurgici presso l’UOD di Chirurgia Plastica dell’Ospedale Sant’Andrea di Roma. Al termine verrà consegnato un attestato di partecipazione. I partecipanti potranno apprendere la procedura più rilevante per la ricostruzione del seno, della testa e del collo e degli arti.

Sessioni di insegnamento:

  • Introduzione alla microchirurgia sperimentale: microscopio, strumenti microchirurgici e materiale di sutura
  • Tecniche di sutura microchirurgica: Neurorrafia, E-E, anastomosi vascolare E-S
  • Simulazione su un modello non biologico
  • Anatomia del ratto: regione addominale e inguinale
  • Esercizi pratici sul modello animale: arteria femorale, vena, nervo
  • Esercitazioni pratiche sul modello animale: preparazione del lembo
  • Sollevamento del lembo DIEP e sue applicazioni cliniche
  • Sollevamento del lembo SIEA e sue applicazioni cliniche
  • Sollevamento del lembo ALT e sue applicazioni cliniche
  • Sollevamento del lembo del Latissimus
  • Dorsi e sue applicazioni cliniche
  • Sollevamento del lembo di fibula e sue applicazioni cliniche
  • Sollevamento radiale del lembo e sue applicazioni cliniche

Costo: la quota di iscrizione è di 1.650,00 €, per i medici, residenti in formazione e libero professionista; 2.250,00 medici NHC, include l’affiliazione gratuita per un anno alla SIM Società Italiana di Microchirurgia. Il numero massimo di partecipanti è limitato a 2 persone / trimestre.

Modalità di pagamento: Eurotraining Srl – Banca Popolare di Ancona – Via Michelangelo 2 – 65121 Pescara; IBAN: IT06J0530815400000000002949 CODICE SWIFT: BLOPIT22; Oggetto: Borsa di studio in microchirurgia ricostruttiva clinica e sperimentale: Prof. Fabio Santanelli di Pompeo.

Per ulteriori informazioni: Eurotraining Srl – Via B. Bosco, 57/9 – 16121 – Genova, Email: mail@eurotraining.it – ​​Tel. +3901042064090.

Dott. Michail Sorotos – email: michail.sorotos@uniroma1.it – ​​Tel. +39.06.33.77.58.32 – Fax. +39.06.33.77.56.49

Riunione scientifica pubblicata annualmente, per i medici interessati alla chirurgia del seno, con l’obiettivo di fornire aggiornamenti sulla chirurgia ricostruttiva ed estetica del seno, concentrandosi sulle preoccupazioni delle diverse tecniche per rivelare suggerimenti, trucchi e istruzioni.

L’incontro è solitamente patrocinato dal Ministero della Salute, l’Associazione Europea dei Chirurghi Plastici (Euraps), la Società Italiana di Chirurgia Plastica, Ricostruttiva ed Estetica (Sicpre), la Società dei Chirurghi Plastici dell’Italia Centrale (Acpic) e la Società Italiana Società di microchirurgia (SIM).

1 ° Workshop Internazionale di Chirurgia Seno, “Dalla mastectomia alla sostituzione del seno: prospettive e progressi” Roma, Castello della Castelluccia, 23-24 gennaio 2009;

2 ° Seminario Internazionale di Chirurgia Seno “Problemi, complicazioni e sicurezza”, Roma, Ministero della Salute, 14-15 gennaio 2011;

3rd International Breast Surgery Workshop, Joint Meeting with Swedish Society of Plastic Surgery, Roma, 26-27 aprile 2013.

4th International Breast Surgery Workshop, Joint Meeting with the British Association of Plastic Surgeons, Ministero della Salute, Via G. Ribotta 5, Roma 17-18 Aprile 2015.

5th International Breast Surgery Workshop, Joint Meeting with the Royal Belgian Society for Plastic Surgery, Ministero della Salute, Via G. Ribotta 5, Roma 28-29 Aprile 2017.

Presidente prof. Fabio Santanelli di Pompeo e il Prof. Moustapha Hamdi.

Riunione scientifica pubblicata annualmente, per i medici interessati alla chirurgia del seno, con l’obiettivo di fornire aggiornamenti sulla chirurgia ricostruttiva ed estetica del seno, concentrandosi sulle preoccupazioni delle diverse tecniche per rivelare suggerimenti, trucchi e istruzioni.

L’incontro è solitamente patrocinato dal Ministero della Salute, l’Associazione Europea dei Chirurghi Plastici (Euraps), la Società Italiana di Chirurgia Plastica, Ricostruttiva ed Estetica (Sicpre), la Società dei Chirurghi Plastici dell’Italia Centrale (Acpic) e la Società Italiana Società di microchirurgia (SIM).

1 ° Workshop Internazionale di Chirurgia Seno, “Dalla mastectomia alla sostituzione del seno: prospettive e progressi” Roma, Castello della Castelluccia, 23-24 gennaio 2009;

2 ° Seminario Internazionale di Chirurgia Seno “Problemi, complicazioni e sicurezza”, Roma, Ministero della Salute, 14-15 gennaio 2011;

3rd International Breast Surgery Workshop, Joint Meeting with Swedish Society of Plastic Surgery, Roma, 26-27 aprile 2013.

4th International Breast Surgery Workshop, Joint Meeting with the British Association of Plastic Surgeons, Ministero della Salute, Via G. Ribotta 5, Roma 17-18 Aprile 2015.

5th International Breast Surgery Workshop, Joint Meeting with the Royal Belgian Society for Plastic Surgery, Ministero della Salute, Via G. Ribotta 5, Roma 28-29 Aprile 2017.

Presidente prof. Fabio Santanelli di Pompeo e il Prof. Moustapha Hamdi.

La possibilità di conoscere in modo preciso il volume mammario su cui operare è di fondamentale importanza per i chirurghi, sia in campo estetico che in chirurgia plastica ricostruttiva. Fino a ieri sono stati descritti diversi metodi, alcuni molto complicati da eseguire e altri inaffidabili per i risultati ottenuti.

Prof. Fabio Santanell e Dott. Benedetto Longo ha condotto uno studio scientifico che ha permesso di realizzare un metodo semplice e statisticamente affidabile per misurare il volume del seno. Dieci diverse misure antropometriche sono state prese da 88 donne, prima di sottoporsi a mastectomia per cancro al seno; i risultati sono stati successivamente correlati ai volumi mammari misurati da campioni chirurgici e solo 3 (distanza tacca-capezzolo sternale, distanza di proiezione da piega a piega sottomammaria e distanza da piega a capezzolo sottomammaria) su 10 sono stati trovati statisticamente significativi. È stato quindi sviluppato un algoritmo, BREAST-V®, basato sulla semplice determinazione delle 3 misure e in grado di misurare con precisione il volume del seno studiato.

Per semplificarne l’utilizzo, Diepflap.it Medical Software ha prodotto e consegnato ad Apple una “App” per dispositivi iOS (iPod, iPhone, iPad) disponibile su App Store, in grado di eseguire rapidamente il calcolo.

Oggi grazie al BREAST-V® è possibile una determinazione del volume mammario veloce, non invasiva e statisticamente affidabile. Tale metodo innovativo è della massima importanza in tutta la chirurgia del seno, sia nelle procedure estetiche come l’aumento del seno o nella correzione delle asimmetrie, sia nelle procedure ricostruttive del seno dopo il cancro.

Sentinel Lymph Node Biopsy è oggi considerato il gold standard nella stadiazione ascellare delle pazienti con cancro al seno. Sebbene un recente documento americano evidenzi che in caso di metastasi del linfonodo sentinella una dissezione completa dei linfonodi ascellari non influisce sulla sopravvivenza, questa procedura è effettivamente indicata e solo nel 35-50% di questi pazienti vengono mostrate metastasi linfonodali aggiuntive.

Per valutare il rischio di metastasi ai linfonodi ascellari residui sono stati descritti diversi metodi statistici, a partire dal primo strumento (Memorial Sloan-Kettering Cancer Center Breast Service, 2003). Pertanto, lo scopo di questi strumenti è calcolare la probabilità di un’ulteriore malattia ascellare nei pazienti con linfonodi sentinella positivi e l’obiettivo finale è evitare la dissezione completa dei linfonodi ascellari non necessaria in pazienti con cancro al seno a basso rischio.

Dopo la validazione degli strumenti pubblicati più utilizzati, è stato sviluppato un metodo originale basato sul case mix dell’Ospedale Sant’Andrea e di altre Breast Unit, che prende in considerazione le seguenti variabili per il calcolo del rischio: dimensione del tumore primitivo, tipo istologico, grading , Dimensione delle metastasi del linfonodo sentinella e rapporto linfonodo sentinella positivo / linfonodo sentinella totale.

Per consentirne la diffusione e la validazione il modello statistico è stato trasformato in una “App” per piattaforma IOS, scaricabile gratuitamente dall’Apple Store, pensata per dispositivi mobili come iPhone, iPad e iPod, con l’obiettivo di fornire un utile e facile decisionale strumento, con una fattibilità clinica e non solo in un ambiente di ricerca.

Studi osservazionali dimostrano che il tromboembolismo venoso è una complicanza frequente degli interventi di chirurgia plastica e ricostruttiva, compresa l’addominoplastica e gli interventi di ricostruzione mammaria; tuttavia vi è mancanza di evidenze sulla tromboprofilassi in tale disciplina chirurgica.

Per quanto premesso, presso la nostra struttura si è costituito un gruppo di lavoro che ha provveduto ad elaborare una scheda di valutazione del rischio tromboembolico, in particolare perioperatorio, che tenga in giusta considerazione le specificità degli interventi di chirurgia plastica e ricostruttiva.

L’applicazione “Rischio Tromboembolico” per iPhone e iPad ha lo scopo di rendere più facile la raccolta ed elaborazione dei vari fattori di rischio ed offrire delle linee guida ben precise per il trattamento perioperatorio dei pazienti chirurgici.